Strumenti del Portale



Home > Centri di ricerca > CCI > CRDN: Mission

Comunità di ricerca: Culture religioni diritti nonviolenza

Mission

Area bacheca: 833&


Ambiti di studio e di ricerca

  • La dimensione interculturale della filosofia e delle pratiche filosofiche. La filosofia come "sapienza d'amore"
  • La dimensione interculturale della pedagogia. Quali le prospettive pedagogiche che si possono pensare a partire dalla esperienza cosmoteandrica
  • La nonviolenza come nuova innocenza. Studio dell'ahimsā e del satyāgraha. Le pratiche di trasformazione nonviolenta dei conflitti di ogni ordine e grado
  • Ecosofia, stili di vita e trasformazione
  • Il viaggio interculturale e intraculturale come esperienza educativa e di cooperazione
  • Per un'ermeneutica simbolica e interiore della Bibbia (l'intuizione cosmoteandrica biblica, la radice ebraica, qabbalah e mistica cristiana, l'apporto dell'Oriente)
  • L'esperienza trinitaria e cosmoteandrica in Dante; poesia e mistica

L'opera e la cooperazione

La Comunità di ricerca Culture religioni diritti nonviolenza si propone di:

  1. studiare l'opera e la figura di Raimon Panikkar, con un dialogo fecondo, attraverso indagini rigorose ed innovative, sia all'interno del gruppo che in dialogo e relazione con altre realtà esterne (v. infra, punto d)
  2. connettere e far interagire le competenze, gli studi, le esperienze, le aspirazioni di ciascun membro del gruppo secondo il sentire comune sopra descritto. Il nostro interesse non è quindi rivolto soltanto all'opera di Raimon Panikkar. Studiamo ed esploriamo ad es., anche le pratiche filosofiche, la nonviolenza e l'azione nonviolenta, l'ecosofia, il dialogo intrareligioso, la rifondazione (teantropocosmica) della pedagogia e dell'insegnamento, la questione delle insufficienze della cultura dei diritti umani, la cooperazione internazionale reciproca, i testi della nostra tradizione religiosa, come ad es. la Bibbia, ma anche quelli di ogni altra cultura e tradizione (secondo un'ermeneutica che intende la religione come libertà), la letteratura e le manifestazioni artistiche in generale, ecc. Questi sono alcuni sentieri di lavoro che percorriamo, senza che ciò escluda la possibilità di individuarne altri nel corso del tempo
  3. promuovere la conoscenza dell'esperienza panikkariana, come dei nostri percorsi di studio-dialogo-azione, attraverso pubblicazioni scientifiche e alta divulgazione; incontri, convegni, seminari, laboratori e attività educative, o con ogni altra attività che possa rispettare lo spirito della ricerca in comunità, sia entro l'ambito accademico che nei confronti del pubblico esterno all'università
  4. costituire relazioni aperte e "di rete" con altri, singoli o istituzioni, che operino sulla base di una ispirazione panikkariana oppure che mettano in campo una ricerca in qualche modo connessa con le domande legittime che anche noi ci poniamo.

Fin dalla costituzione, la Comunità di ricerca Culture religioni diritti nonviolenza, si pone in contatto di partnership e cooperazione con la Fondazione Serughetti-La Porta di Bergamo. I termini di questa cooperazione sono definiti in un protocollo d'intesa stilato appositamente.

C'è inoltre l'esigenza di raccordarsi sul piano internazionale con il gruppo degli "amici" o "allievi" di Raimon Panikkar, che da qualche anno si incontrano periodicamente per importanti convegni. Vogliamo essere un polo di questa rete planetaria cooperando anche con la Fondazione Vivarium, che di recente ha aperto anche il sito ufficiale di Panikkar in internet: www.raimon-panikkar.org

Documenti
La pratica della comunità di ricerca
L'ispirazione panikkariana


Avviso: per visualizzare i file .zip eventualmente allegati alle notizie è necessario premere il bottone 'Salva', salvare il file in una cartella del proprio PC e da lì aprire il file. L'apertura diretta del file tramite il bottone 'Apri' non funziona.
Warning - .zip files: you have to save the file in a folder of your PC. You cannot open directly the file from the website.