Strumenti del Portale



Home > Centri di ricerca > CST > Diathesis Lab > Reti internazionali: Network Europeo Centralità dei territori

DiathesisLab

Network Europeo Centralità dei territori

Area bacheca: 1291

Centralità dei territori
Verso la rigenerazione di Bergamo in un network europeo


Responsabili: Prof. Emanuela Casti, Dott. Federica Burini


Il progetto

Il progetto Centralità dei territori è promosso dall'Università di Bergamo per lo sviluppo di un network internazionale di città simili a Bergamo. La ricerca prospetta la rigenerazione di Bergamo e del suo territorio mediante l'attivazione di un nuovo turismo s-Low (che coniuga la mobilità aerea low cost con la fruizione sostenibile del territorio). Coniugando la connettività aerea, le risorse culturali e naturali e le competenze locali si recupera la centralità dei territori quale volano cui ancorare un nuovo modello di business: un innovativo sistema socio-economico, basato sulla micro-imprenditorialità, la sostenibilità ambientale e la partecipazione dei cittadini.

L'articolazione della ricerca

La ricerca prevede una doppia scalarità, internazionale e locale, e la creazione di tre network multilivello: delle università, delle municipalità e degli aeroporti. Nella prima fase della ricerca (2013-2014) è stato istituito il network tra Università, in occasione del Convegno internazionale Centralità dei territori tenutosi a Bergamo il 4 marzo 2014. I Rettori delle università delle sette città europee implicate (Bergamo, Beauvais/Amiens, Cambridge, Charleroi, Girona, Lubecca, Santander) hanno firmato infatti un Accordo quadro di cooperazione interuniversitaria: si è conclusa così la prima fase della ricerca e si è entrati nella seconda.

Nella seconda fase (2014-2015) è stato istituito un network tra municipalità. In occasione del Convegno internazionale Centralità dei territori tenutosi a Bergamo il 24 e 25 settembre 2015, organizzato all'interno delle iniziative per EXPO2015, i sindaci delle sette città europee implicate hanno firmato un Accordo quadro di collaborazione.

Nelle prossime fasi si prevede la creazione di un network tra aeroporti.

Attività scientifica

La ricerca ha portato alla creazione di una metodologia comune interdisciplinare frutto delle competenze di ciascun team di ricerca coinvolto. Mediante tale metodologia, è stato possibile realizzare un sistema di mapping tridimensionale interattivo denominato "Settebellezze s-Low" volto a mostrare le risorse poco note dei territori implicati valorizzando le iniziative presenti in un'ottica di sostenibilità.

La ricerca ha previsto l'organizzazione di attività seminariali svolte tra i ricercatori presso il Laboratorio Diathesis dell'Università di Bergamo e di web-seminars a cadenza mensile, cui si aggiungono tre eventi internazionali tenutisi a Bergamo (4 marzo 2014; 10-12 ottobre 2014; 24-25 settembre 2015) e due eventi internazionali tenutisi nelle altre città del network: a Santander (17 aprile 2015) e a Charleroi (12-14 maggio 2016).

I risultati della ricerca sono stati pubblicati nel volume E. Casti, F. Burini (a cura di), Centrality of territories, verso la rigenerazione di Bergamo in un network europeo, Bergamo University Press, Bergamo, 2015 , e i ricercatori stanno lavorando per la pubblicazione di altri contributi presso una rivista internazionale. Inoltre, stanno valutando la presentazione di un progetto europeo nell'ambito del programma Horizon 2020.

Infine, si è attivata una collaborazione di ricerca sulle tecnologie smart per monitorare i passeggeri mediante i social network in collaborazione con il CNR di Milano.

Attività didattica

Oltre a organizzare uno scambio docenti in qualità di visiting professors presso il corso di laurea magistrale in Planning and Management of Tourism System del Dipartimento di Lingue, Letterature straniere e Comunicazione dell'Università di Bergamo, sono stati stilati accordi Erasmus tra le università del network e progetti di tirocinio nelle Università partners.
Infine, i ricercatori di Bergamo hanno aderito ad un progetto IFTS con la Fondazione Ikaros e l'Istituto professionale Galli sul tema del turismo s-Low dal titolo "Tecniche per la promozione di prodotti e servizi turistici con attenzione alle risorse, opportunità ed eventi del territorio".

Ricerca / Azione

Sono stati attivati quattro progetti pilota sul territorio bergamasco per applicare operativamente al territorio il modello proposto, creando sinergie tematiche a scala internazionale. Gli ambiti su cui la ricerca si sta impegnando sono: le Orobie uno straordinario sistema montano che integra natura e cultura; i Siti Unesco come banco di prova per un turismo d'eccellenza a scala locale e internazionale; la Pianura bergamasca quale luogo strategico per attivare un ecomuseo dei castelli bergamaschi in rete con i castelli presenti nei territori del network; Bergamo con la sua eccezionale commistione di architettura di pietra e vegetale da valorizzare nella promozione di una agricoltura urbana di eccellenza.

Tali progetti prevedono l'attivazione di itinerari turistici tematici locali ed internazionali, coinvolgendo il vettore Ryanair che si è dichiarato interessato a promuovere e sostenere la ricerca.

Turisti s-Low

Le loro pagine sono permeate da uno spirito ironico mescolato ad osservazioni attente dei luoghi visitati. Buona lettura!
Consulta i diari di viaggio.


Documenti, informazioni, link / Documents, News, LinksPubblicazione
Articolazione della ricerca28/04/2016
Partners26/05/2014
Referenti25/05/2014
Convegni25/05/2014